"Ci amavamo,eccome se ci amavamo. E come l’amavo,sopra tutto,sopra tutti. L’amavo quando mi prendeva e mi faceva sdraiare nel sedile posteriore della macchina,quello che abbiamo segnato infinite volte,quello della prima volta,quello dell’ultima volta,con i vetri appannati,con i respiri stanchi e vogliosi. Eccome se l’amavo,eccome se ci amavamo. Ci amavamo quando ci gridavamo contro e poi finivamo appoggiati in quale insignificante muro a baciarci,a prenderci per mano,ad abbracciarci. Ci amavamo tanto anche quella volta che abbiamo ballato sotto la pioggia,subito dopo aver fatto l’amore,nella nostra solita strada,nella nostra solita macchina. Ci si amava,ci si ama ancora.”
"Mi dici sempre che io non mi devo arrendere, che arriverà anche il mio momento di splendere.”
Gemitaiz (via winterius)
"Quei due erano così complicati. Lui orgoglioso e lei strana, a volte sensibile e a volte mandava tutto a fanculo senza nemmeno pensarci, però dopo se ne pentiva, e faceva di tutto per rimediare. Quei due, sapevano amarsi come nessuno. Quei due erano unici, niente riusciva a separarli, potevano gridarsi contro quanto volevano, e mentre non si sentivano si mancavano, non si cercavano, ma si pensavano, anche se nessuno dei due lo ammetteva mai. Quei due erano l’imperfezione, ma insieme diventavano la perfezione, si completavano a vicenda, si appartenevano prima ancora di conoscersi, si sono sempre appartenuti e si sono sempre cercati, fino a quel giorno che si incontrarono. Erano strani, diversi, ma come si completa un puzzle? Con pezzi diversi, e loro erano fatti per incastrarsi tra altri mille pezzi di puzzle e gli altri pezzi saranno tutta la vita che passeranno insieme, e lo completeranno, anche con mille litigi. Lo completeranno e rivedendo il puzzle completato ripenseranno ai mille momenti passati insieme, a tutti i litigi, a tutto, e capiranno che due come loro non li separerà mai niente e nessuno.
— 794km-dalui (via 794km-dalui)
©